«Da te, Febo, esordendo, or io le geste ricorderò di quegli antiqui eroi, che per la foce dell’Eusino e in mezzo alle due rupi Cianee varcando Argo addrizzar, ben corredata nave, per voler di re Pelia, al Vello d’oro». Così scriveva nel III secolo a.c. Apollonio Rodio, narrando le gesta degli Argonauti all’intero del Libro 1. Il testo racconta le gesta di un gruppo di cinquanta eroi, per l’appunto i famosi Argonauti, che guidati da Giasone danno vita a una spedizione a bordo di una nave per raggiungere le terre della Colchide. Tutto questo per riconquistare il Vello d’oro, un prezioso oggetto della mitologia greca che si diceva fosse in grado di curare ogni ferita.

Ma se è vero che la storia, seppur con qualche ritocco fantasioso, è destinata a ripetersi, ecco che nel 2021 a Roma si raduna ancora una volta un gruppo di eroi, con l’obiettivo comune di raggiungere finalmente il proprio manto d’oro di Crisomallo. Solo che al posto di Giasone troviamo Beppe Grillo e al posto di Argo, la nave che traghettò quegli eroi coraggiosi, troviamo il M5s. Cosa sarà mai il Vello dunque si domanderà qualcuno. Ebbene questo altri non sarebbe che l’unica cosa in grado di curare le ferite, che pur sembrano insanabili, all’interno del Movimento. Va detto però che per fortuna del leader grillino questo ha «un nome e un cognome», per citare una sua frase entrata nell’iimaginario comune, che è Giuseppe Conte.

Grillo le sta provando tutte per non far sfaldare il Movimento, ma ogni giorno nuovi dissapori e divergenze emergono e rischiano di annullare quanto di utile fatto nelle giornate precedenti. All’inizio aveva provato con la sua proverbiale dialettica, ma nessuno si era fidato fino in fondo. Così ha scelto di sfruttare la piattaforma Rousseau, cuore pulsante dei grillini e indispensabile per ogni decisione presa secondo l’ideale dell’uno vale uno. Ma anche questo non era bastato, così si è passati alle maniere forti e alle espulsioni per i dissidenti. Il problema però è uscito dalla porta e rientrato dalla finestra, visto che la nomina dei sottosegretari ha fatto esplodere ancora una volta le polemiche e le critiche interne al partito.

Che fare dunque? Non è rimasto che chiamare a raccolta gli ultimi argonauti rimasti, visto l’abbondonare la nave generale che le vecchie leve hanno subito o dovuto effettuare in maniera poco spontanea. L’idea circolava da alcuni giorni, ma la caccia a Giuseppe Conte come leader del Movimento è divenuta necessità più che realtà. L’ex inquilino di Palazzo Chigi sembra essere l’unico in grado di poter fermare questa emorragia grillina, che nei sondaggi continuano a perdere punti e consenso. Le elezioni non sembrano essere vicine, però meglio prepararsi in tempo.

Nel testo di Apollonio Rodio Giasone per impossessarsi del Vello è costretto a compiere una prova di valore impostagli da Eeta. L’eroe riesce a superarla solo grazie all’aiuto di Medea, che si era innamorata di lui e che lo fortifica con le potenti arti magiche di cui è esperta. Ma Grillo può contare su una Medea o sarà costretto a tentare l’ardua prova da solo? Perché al momento lo scenario è totalmente avverso al leader pentastellato. Lui è pronto ad arrivare sulla Luna per i suoi, vedi il casco con cui si presenta all’Hotel per l’incontro sul tema, ma chissà se basterà. Sì perché in questo caso non è tanto la riuscita del progetto Conte a preoccuparlo, quella è una sorta di passeggiata visto che l’avvocato del popolo non vede l’ora di tornare in politica pare. No, i problemi dipendono da quello che arriverà dopo.

Il ritorno di Conte nel Movimento lo legittimerà come vero leader politico. E il pilastro fondativo dell’uno vale uno che fine farà? Ma non finisce qui, visto che una delle domande che a molti non sembra sfuggire è: ma la scelta dell’ex premier dipenderà o no dal voto di Rousseau? Alla fine tutte le grandi decisioni fino a questo momento sono state assunte tramite la piattaforma, e questa sembra sarà la più grande mai presa. Poi c’è la questione statuto, il vincolo dei due mandati e tutto quello su cui alcuni provano a dibattere ma che in realtà è già ampiamente superato e messo in un cassetto. Il Movimento che conoscevamo sembra non esisterà più, ma riuscirà il nostro Giasone a portare a casa il Vello e riportare la nave in Tessaglia? Solo il tempo saprà darci una risposta.

Un pensiero riguardo “Gli Argonauti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...