✒️ – Una vera e propria arte. Platone sosteneva che l’arte altro non fosse che un assunto fondamentale basato su imitazione o mimesi, ma traslando tali interpretazioni nell’ambito della cosa pubblica ecco che la prospettiva cambia. Per comodità degli osservatori fin dai tempi antichi la politica è stata suddivisa in posizioni, che raccoglievano un gruppo di individui che si imitavano tra loro e che copiavano, o meglio mettevano in atto, gli stessi principi. La facilità di assimilare uomini o partiti sul lato destro o sul lato sinistro della scena è stato un punto fermo per molti. Semplice.

Il gioco è utilizzato anche in altri paesi, seppur con alcune differenze. Ad esempio in America vale il principio per cui si può parlare di repubblicani o democratici, o ancora nel Regno Unito sentiremmo parlare di conservatori o laburisti. La differenza però sta tutta nei partiti. In Italia è infatti valsa questa semplicità di vedute nonostante il pluralismo la facesse da padrona. Giusto finché c’era la Democrazia Cristiana si poteva parlare di centro, ma la destra non era quella di oggi (soprattutto per numeri).

E così prima con la coppia Berlusconi-Prodi e poi con il blocco di centrodestra che possiamo osservare anche oggi, alla fine la polarizzazione ha avuto la meglio e quel tanto facile suddividere gli schieramenti tra destra e sinistra è tornato di moda. Solo che dopo è arrivato il M5s ed è cambiato tutto, si sono dovuti trovare nuovi metodi per spiegare le alleanze di governo. Così per definire i voltafaccia e gli improvvisi cambi di casacca si è iniziato a usare in maniera massiccia la classificazione maggioranza-opposizione. Anche perché a Palazzo Chigi negli ultimi anni sono state molte le formazioni che si sono alternate con i propri volti, anche se il leader era sempre lo stesso.

E adesso? La situazione non è facile. Perché se è vero che suddividere destra e sinistra è ancora intuitivo, non si può dire la stessa cosa di maggioranza e opposizione. Certo tempi straordinari richiedono decisioni straordinarie, ma più che di posizioni in questo caso sembra valere il famoso detto del trovarsi al posto giusto nel momento giusto. Puro caso, difficile da inseguire e che ci porta a muovere una doverosa critica. Il posizionamento implica il fatto di essere coerenti con la posizione occupata, e dunque di evitare di balzare da una parte all’altra.

Il cittadino ha bisogno di basarsi su poche e mirate certezze. Sapere da che parte si trova il politico che ha sempre sostenuto è ovviamente una di queste. Ma quando il politico inizia a dire tutto e il contrario di tutto ecco che può disorientare. Per capire meglio. Se seguiamo Salvini vediamo come nonostante il suo partito sostenga la maggioranza del governo Draghi, allo stesso tempo si comporti ancora come un leader di opposizione che può fare e dire tutto senza conseguenze. C’è anche Giuseppe Conte ufficiosamente nuovo leader del M5s, che però non trova una posizione e continua a non esporsi in merito ai grandi dilemmi che affliggono i parlamentari grillini (passando da una parte all’altra pur di non dover decidere). Non manca nella lista neanche Enrico Letta, che dal suo arrivo ha proiettato il PD nel vortice delle riforme ma che non si riesce a schierare veramente su nessun fronte. Risultato? Lavorare sul gruppo misto e sui cambi di casacca.

L’arte di farsi trovare sempre al posto giusto nel momento giusto. Così complicata da realizzare ma così facile da capire. Eppure forse, visti i tempi in cui viviamo, è arrivato il momento di decidere. Da che parte stare, chi sostenere, chi seguire e chi voler essere. Soprattutto l’ultima sembra essere indispensabile. Sapere chi essere per capire dove voler andare. Davvero.

L’ESPRESSIONE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...