Con l’arrivo delle belle giornate in ogni romano si risveglia quel bisogno innato di riscoprire la sua città, la storia nascosta fra i solchi dei sampietrini e i monumenti che sotto il cielo limpido di aprile si illuminano e sembrano risbocciare con l’incalzare della primavera. Soprattutto in questo periodo di zone rosse e lockdown, poi, le vie del centro rappresentano il perfetto rifugio per chi ama passeggiare e riscoprire sé stesso fra le mura di quei palazzi antichissimi.

Una delle mete preferite è Via del Corso con capolinea a Piazza del Popolo o, se siete in vena di romanticismi, al Pincio. Se, invece, fate parte di quei profani del pomeriggio al centro dell’Urbe non percorrerete l’ex Via Lata unendovi al fiume di gente che inonda marciapiedi e negozi, ma vi avventurerete per quella giungla di stradine parallele che regalano sempre molti tesori ben celati da quei vicoli inesplorati. E così, percorrendo Piazza dei Santi Apostoli e Via di San Marcello si sbuca su Piazza dell’Oratorio che alle sue spalle nasconde tutta la bellezza di Galleria Sciarra. Continuando sempre dritti e girando a destra proprio alle spalle di Galleria Alberto Sordi infine, si arriva a Fontan de Trevi. Il monumento è in grado di rubare la scena a tutto e fare da cornice a qualsiasi cosa tranne una, che spesso passata inosservata: il cielo. Ma quanto è bello er cielo de Roma?

Almeno una volta tutti noi romani lo abbiamo detto ammirando con il naso all’insù quell’azzurro limpido e pieno di colore che spesso neanche le nuvole sembrano voler disturbare. Questo è il luogo giusto per farsi questa domanda, con l’opera del Salvi e il cielo che sembrano litigare la nostra vista e fare a gara a chi mette in secondo piano l’altro. Dopo aver ammirato lo spettacolo della Fontana è impossibile non alzare lo sguardo e perdersi nell’intensità di quell’azzurro che avvolge Roma e tutti i suoi monumenti e, dopo essere tornati sulla Terra, è altrettanto impossibile non avvicinarsi all’orecchio di chi è con noi, quasi a non voler rompere la magia, e consci che la risposta è una sola, chiedere: “Ma quanto è bello er cielo de Roma?”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...