Ieri era il 4 maggio. Il 4 maggio è l’anniversario della tragedia di Superga, in cui la squadra imbattibile del Grande Torino, una volta mostrata la sua disarmante superiorità calcistica in questo mondo decise di competere per il torneo del Paradiso.

Il 4 maggio è anche quello che viene definito “The Star Wars day”. Il giorno di Star Wars, l’iconica saga creata dalla geniale mente di George Lucas. In realtà il giorno della prima assoluta nelle sale cinematografiche risale al 25 maggio 1977 e quindi il giorno di Star Wars dovrebbe essere quello, come ha stabilito il Los Angeles Council, l’ente che governa la Città degli Angeli.

Ma i fan si sa, vanno spesso contro le decisioni imposte dall’alto e hanno quindi deciso, col beneplacito del mondo che il giorno di Star Wars doveva essere il 4 maggio. Questo perché per un gioco di parole il claim della saga di Lucas “May the Force be with you” (Che la Forza sia con te) può essere assimilato a “May the Fourth be with you” (Il 4 maggio sia con te) questo per il doppio significato che può assumere la parola may (sia verbo potere che maggio) e per l’assonanza tra Force (Forza) e Fourth (Quattro).

Poi c’è la questione che in realtà la prima apparizione pubblica della frase sia relativa all’elezione della Iron Lady della politica britannica, quella Margaret Hilda Thatcher che fu ringraziata dal suo partito sulle colonne del The London Evening News con la frase “May the Fourth be with you, Maggie. Congratulations”. Di questo però ci interessa relativamente.

Ci interessa relativamente non per disistima verso la Lady di Ferro, ma perché questo è uno spazio dedicato allo sport, e al calcio in generale, e quindi si parla di calcio e ieri nel mondo del calcio è successo qualcosa di assolutamente inaspettato e probabilmente senza senso.

Ieri Quattro Maggio Duemilaventuno la AS Roma della Famiglia Friedkin ha rotto il muro del suono e ha deciso di entrare dove nessuno poteva immaginare, ieri la AS Roma ha deciso di entrare nella Superlega senza il bisogno di creare una competizione farlocca che uccide il merito, ieri quattro maggio duemilaventuno la Roma ha mandato un messaggio forte al mondo del calcio.

Mai come questa volta però bisogna fare un passo indietro, e allora andiamo con ordine.

La stagione della Roma si appresta a terminare nel peggiore dei modi possibili, fuori dalle qualificazioni europee che contano, con il solo obiettivo Conference League da giocarsi con il Sassuolo in campionato, e con un piede e mezzo fuori dalla semifinale di Europa League che domani vedrà lo United ospite all’Olimpico con quattro gol di vantaggio da gestire per raggiungere la finale di Danzica, ci sono tutte le premesse per la tragedia e il pianto collettivo di una tifoseria.

Per il futuro si pensava ad un allenatore in grado di lavorare con i giovani, che tirasse fuori il meglio dai suoi giocatori ma sempre con un occhio all’estetica del calcio. Ed ecco quindi i contatti con Maurizio Sarri, con le alternative che rispondevano ai nomi dei bravi De Zerbi, Juric e Italiano.

In realtà sembrava tutto fatto (per la stampa e i media) per il tecnico toscano ex Napoli, Juventus e Chelsea e già si pensava alla Roma di Sarri, al 4-3-3 al ritorno di Under e all’acquisto di Hysaj e Milik.

La Roma intesa come società non parla molto, e quando ieri mattina sul sito e sui social della società giallorossa era uscito il comunicato che in pratica sanciva la fine ufficiale del rapporto tra Roma e Paulo Fonseca al termine della stagione, in molti si sono trovati spiazzati. Che senso aveva rendere ufficiale una cosa che in pratica già si sapeva? E soprattutto quale beneficio avrebbe tratto il finale di stagione della Roma, che comunque si sta giocando una coppa, dalla notizia che l’allenatore in carica non lo sarebbe stato più in circa 30 giorni?

Sgomento, preoccupazione e i classici insulti di quelli che sanno tutto avevano invaso le piattaforme social. Questo fino alle ore 15.09. Si perché alle 15:09 la AS Roma ha tirato sul mondo del calcio una bomba che in confronto il superlaser della Morte Nera che ha vaporizzato Alderaan era una stella filante luminosa.

Alle ore 15:09 del quattro maggio 2021 la Roma ha ufficialmente annunciato il suo prossimo allenatore e la scelta è stata mediaticamente assordante.

Josè Mario dos Santos Mourinho Felix nato il 26 gennaio 1963 a Setubal in Portogallo, ha firmato per la società capitolina.

Ripeto, Jose Mourinho ha firmato per la Roma.

Il 4 Maggio 2021 Jose Mourinho è ufficialmente il nuovo allenatore della Roma.

Inutile raccontare le reazioni del mondo. Gira sul web un video in cui alcuni giornalisti di Sky Sport che si occupano anche di mercato vengono colpiti come un fulmine a ciel sereno dalla cosa e tirano fuori facce degne dei migliori show comici. La notizia è ovviamente inaspettata e persino il più ottimista dei tifosi romanisti mai poteva immaginare una cosa del genere.

La Roma in circa 10 ore passa dall’essere la squadra più bistrattata di Italia, quella che Gasperini e Mihajlovic rifiutano, alla società mediaticamente più importante del panorama calcistico nazionale e non.

In circa mezza giornata si è passati dalla tragedia all’epica, in circa 10 ore tutti i portali di informazioni sportiva del mondo hanno messo in prima pagina la Roma, con buona pace dei vari conduttori “ditteri” che in talk show calcistici si permettevano di dire roba tipo “ma chi se ne frega della Roma”.

In circa 10 ore e poi chiudo questa simpatica lista, la Roma ha avuto circa un 20% di aumento delle sue azioni in Borsa, e tutto questo perché ha annunciato il suo nuovo allenatore.

Non entro nella questione tecnica perché è risaputo che il calcio non è una scienza esatta e non è detto che una singola scelta per quanto potente sia sintomo di vittoria e gloria, ma da ieri per la Roma cambia tutto.

Cambia tutto dal punto di vista dei tifosi, che vedranno sedersi sulla panchina della loro squadra uno dei tecnici più vincenti della storia del calcio.

Cambia tutto per i giocatori, che non potranno più nascondersi dietro alla mancanza di un allenatore di polso e che non avranno alternative al dare la vita per il mister, in caso contrario i cancelli di Trigoria saranno aperti in entrambe le direzioni, e senza problemi di sorta.

Cambia tutto per la forza mediatica e contrattuale della società visto che il giovane ma fenomenale Tiago Pinto avrà una freccia di tutto rispetto da scagliare in sede di calciomercato, e un giocatore che vede il suo telefono squillare, quando dall’altra parte della cornetta (vabbè metafora romantica) si trova Jose Mourinho da Setubal che gli spiega il suo progetto di calcio, beh forse qualche dubbio se lo fa venire prima di declinare l’offerta.

Cambia la comunicazione, si perché scommetto che il salotto televisivo “perculatorio” nei confronti della Roma, sarà molto ma molto meno “perculante” se a rispondere alle domande incalzanti e provocatorie del giornalista di turno sarà Jose Mario dos Santos Felix.

Per farvi capire la portata della cosa, ieri un intero paese si è fermato per la notizia. Politici che hanno manifestato i loro pensieri su Twitter e sui social, conduttori di trasmissioni che non hanno alcuna attinenza col calcio, che chiedono ai loro esperti del nuovo allenatore della Roma, giornalisti d’oltremanica che si interrogano sul significato della parola daje che il nuovo allenatore della Roma ha scritto al termine del suo post su Instagram.

Già il nuovo allenatore della Roma che termina il suo post Instagram con un daje, il nuovo allenatore della Roma che risponde al nome di Jose Mourinho… Mourinho il nemico storico, quello degli “zero tituli” quello del Triplete interista ( a due giorni dal trionfo di Conte) che decide di tornare in Italia e lo fa nella Roma… giornata storica sto 4 maggio.

E allora è proprio il caso di dirlo “May the Fourth be with Mou

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...